venerdì 18 maggio 2012

ZigZart



Sabato 19 e domenica 20 maggio
presso la Comunità Rom di Via Idro
un evento dedicato alla cultura zigana nell'ambito dell'iniziativa Via Padova è meglio di Milano
Ospite speciale: Alessio Lega


Il Museo del viaggio Fabrizio De André è lieto di invitarvi,
domani, 19 maggio e domenica 20, nell'ambito della terza edizione della manifestazione Via Padova è meglio di Milano, all'evento ZigZart, organizzato da SitArt presso il campo nomadi di via Idro. 
ZigzArt è il titolo dell’evento promosso da SITART nel campo Rom di via Idro a Milano.
Il progetto nasce con le intenzioni di riqualificare più che il luogo, le relazioni tra i Rom e i cittadini in occasione della festa di “Via Padova è meglio di Milano” cantiere d’integrazione multiculturale in progress.
Gli artisti: Ilaria Beretta, Beppe Carrino, Angelo Caruso, Federico De Leonardis, Carlo Dulla, Pino Lia, Elisabetta Oneto, Sabina Sala, Stefano Sevegnani, con la direzione artistica di Jacqueline Ceresoli, hanno creato installazioni site-specific, temporanee sul luogo, per condividere con gli abitanti un progetto di estetica sociale e di arte sostenibile.
Sitart, da anni agisce nei luoghi urbani con azioni di Social Art: una forma di arte pubblica attiva, temporanea, che trasforma le relazioni tra gli artisti, le persone, il luogo e il pubblico in un progetto di attivazioni di dinamiche culturali e sociali.
Social Art
di Jacqueline Ceresoli

Nell’era dell’iperconnessione veloce “Tout change, tout bouge, tout va de plus en plus vite” e la rete per alcuni è una corsia preferenziale che accelera contatti ed evoluzioni sociali, per altri, gli emarginati digitali, separa vite, stili e identità di moltitudini di persone che si rifugiano in campi situati ai confini della città dove, nei migliori casi, si recupera un modello di comunità agricola, di villaggio contadino, in alternativa al modello urbano, ponendo alla base della società non il denaro, ma il patto di rispetto e di solidarietà tra gli individui.
Il Campo di via Idro è un Eden anomalo, trasformato in centro di convivenza tra etnie diverse, situato al termine di via Padova e vicino alla Tangenziale est, abitato da oltre 20 anni da circa 120 Rom Harvati, diventati cittadini italiani. Questa tribù urbana è costituita da residenti iscritti al Servizio Sanitario con bimbi scolarizzati e la metà di loro ha meno di 18 anni. Date queste condizioni di stanzialità, ex nomadi hanno trasformato il campo in una comunità, dove si contano più case che roulotte, molte delle quali con verande, orti o giardini, cavalli, galli e galline, tacchini, cani, gatti, ponendosi in un rapporto osmotico con il territorio, ma non con il tessuto urbano. In questa comunità di integrati, ma divisi dai cittadini per scelte di vita, 9 artisti italiani diversi per età, formazione e linguaggi adottati, hanno creato site-specific e installazioni a tecnica mista temporanee sul luogo, per condividere con gli abitanti un progetto di estetica sociale e di arte sostenibile promosso da Sitart.

ZigzArt nasce con le intenzioni di riqualificare più che il luogo, le relazioni tra i Rom e i cittadini in occasione della festa di via Padova, cantiere d’integrazione multiculturale in progress.
Dall'inizio di via Idro, lungo la Martesana, all’angolo di via Padova fanno capolino le vele colorate e i nastri di carta riflettente che definiscono un ”Isola” immaginaria di Stefano Sevegnani, affacciata sul Naviglio.
Da via Padova fino al Villaggio Idro si estende intorno alla campagna limitrofa il “Serpente d’oro”, di Sabina Sala, composto da chicchi di grano: l’oro del Mediterraneo e delle civiltà contadine.
Ilaria Beretta evoca il concetto di “migrazione” con una gigantesca capanna di stoffa, come ready made del nomadismo dei Rom, prototipo di abitazione di uomini in movimento, divenuti stanziali con la casa.
All’ingresso del Villaggio, troverete disegnato sul muro con martello e scalpello l’opera “Pastorale” di Federico De Leonardis, un grande bastone, simbolo del pastore che guida e accudisce al suo gregge, come insegna di un modello di vita idilliaca e bucolica, come alternativa a quello urbano.
Angelo Caruso ricopre con “Foulards” variopinti di gusto gitano, donati dalle donne del Villaggio, “la grande serra del perduto lavoro” della Cooperativa Rom che coltivava piante da vendere al mercato ora abbandonata, qui riutilizzata come rifugio per galline e altri animali da allevamento, cavalli al pascolo, liberi di circolare sull’antistante orto coltivato: è un’altra evocazione simbolica di vita agreste, perduta con la rivoluzione industriale, quando l’uomo ha interrotto la relazione con la natura.
Zigzagando dentro il villaggio, lungo la strada principale, noterete l’installazione “Fiat Lux”, realizzata con alcune centraline di energia in disuso, trasformate da Carlo Dulla in simbolici altarini, in cui compaiono ex voto di luce, di gas e di acqua come apparizioni, presenze miracolose non sempre garantite in questo campo.
Davanti al Centro Polifunzionale del villaggio, pensato come presidio sanitario, sociale e culturale, sempre chiuso e poco utilizzato dal Comune, Elisabetta Oneto presenta, “Pori”, un’installazione di code di cavallo, che per i Rom rappresenta un mezzo di trasporto, di sostentamento ed è il simbolo della loro cultura nomade.
All’interno dell’edificio, Beppe Carrino ha rivestito una stanza con “Scritture del corpo”: una serie di disegni a matita che rappresentano i calchi di mani, piedi e fronte di varie persone e abitanti del Villaggio. Questa istallazione ambientale prevede il coinvolgimento del pubblico che si presterà a lasciare una traccia del suo passaggio nel campo.
Nel cortile dell’edificio dismesso, c’è ormeggiata una “Bari–Barca” di Pino Lia, a forma ellittica, in centro una ruota, simbolo del timone, circondata da ramificazioni dalle quali pendono guanti in lattice e rose con immagini multietniche, come metafora del viaggio e delle migrazioni di popoli sulla scia del sogno di una terra promessa.

Sitart, da anni agisce nei luoghi urbani con azioni di Social Art: una forma di arte pubblica attiva, temporanea, che trasforma le relazioni tra gli artisti, le persone, il luogo e il pubblico in un progetto di attivazioni di dinamiche culturali e sociali, mettendo in discussione il ruolo dell’artista in questo ambito, meno autoreferenziale e più utile alla collettività, sull’esempio della “Scultura Sociale” di Beuys e trasforma Milano in un prototipo di “Museo diffuso”, dal centro alle periferie, open-space di un’arte sostenibile contro la museificazione dell’arte contemporanea, dinamica e complessa.


ZigZart
Evento organizzato da SITART
Ideato e curato da Angelo Caruso
Direzione artistica Jacqueline Ceresoli
Direzione all’accoglienza nel Villaggio Fabrizio Casavola
Luogo: via Padova angolo via Idro al Campo Nomadi sul Naviglio Martesana.
Periodo: 19+20 Maggio 2012
Partner: Comunità Rom di Via Idro, Comitato Vivere in Zona 2, Associazione AB, City Art, Anpi Crescenzago, Martesana 2, Teatro degli incontri.

Per info:
Angelo Caruso
Cell. 3357689814

Lo staff del Museo del viaggio

1 commento:

  1. Ed inoltre due giorni di spettacoli, letture, musica, teatro, circo...

    RispondiElimina